Come usare il pixel di Facebook da vero professionista? A cosa realmente ti serve?

In questa breve guida ti spiegherò come usare il pixel di Facebook e crearlo. Tutto ad un solo scopo, creare campagne che portino risultati sul breve periodo.

Usare il pixel di Facebook significa usare una parte di codice sviluppato dalla piattaforma pubblicitaria di Facebook Ads, che può essere integrato al tuo sito internet, tracciando diversi eventi, come ad esempio:

  • Visite
  • Vendite
  • Lead
  • Visualizzazioni di pagina
  • Risultati
  • Prodotti aggiunti al carrello
  • Elementi/prodotti aggiunti alla lista dei desideri
  • Persone che sono arrivate alla fase di checkout in un acquisto online
  • Persone che hanno aggiunto dei dati per il pagamento
  • Persone che hanno completato un modulo di registrazione

Usare il Pixel di Facebook è molto utile principalmente per misurare con grande precisione i risultati delle campagne pubblicitarie che noi compiamo su Facebook, e ci permette di capire se le nostre scelte di marketing stanno portando i propri frutti.

Inoltre grazie a questo strumento, possiamo identificare al meglio i vari visitatori , e utilizzare questo pubblico specifico come destinatario delle nostre campagne pubblicitarie.

Per esempio potremmo programmare un annuncio pubblicitario su Facebook, rivolto soltanto a chi non ha visitato il nostro sito web nelle ultime due settimane, dando informazioni a questo tipo di pubblico riguardo ad un nuovo prodotto o ad una nuova promozione.

Spettacolare non trovi?

Oppure si potrebbe lanciare una campagna pubblicitaria, che tocchi soltanto gli utenti che hanno visitato una pagina specifica del sito web, invitandoli a ritornare, cercando di convertirli in clienti.

Nella sua precedente versione, Facebook metteva a disposizione separatamente il pixel di monitoraggio e il pixel del pubblico, mentre in questa versione aggiornata siamo in grado di fare tutto con un singolo codice.

Integrando il pixel di Facebook sul nostro sito web otterremo i seguenti vantaggi:

  • Segmentazione più precisa degli annunci.
  • Conoscenza diretta del ROI (il ritorno del nostro investimento) delle nostre campagne.
  • Monitoraggio dei diversi eventi sul nostro sito web.
  • Ottimizzazione delle campagne avanzata, con la possibilità di avere un pubblico più propenso a convertire.
  • Semplicità di utilizzo: un solo codice per tutte le attività.

Come usare il pixel di Facebook, Installarlo e Crearlo in modo Rapido!

Creare il pixel di Facebook non è molto complicato e non richiede neanche tanto tempo.

  1. Per prima cosa devi accedere al Power Editor di Facebook.
  2. Clicca su Strumenti -> Pixel e nella schermata di benvenuto vai su Visualizza codice pixel.
  3. Nella finestra successiva scrivi un nome riconoscibile per identificare il tuo pixel e clicca su Crea Pixel per completare il processo.
  4. Dopo aver creato il codice pixel la prima volta, passiamo all’implementazione del codice sul sito. Vai su Strumenti -> Pixel e seleziona il codice che appare.
  5. Copia il codice e incollalo nella sezione….della tua pagina.

Il tuo pixel di Facebook ora è correttamente installato sul tuo sito web. Per verificare la corretta installazione, aspetta qualche secondo e ricarica la pagina Facebook con la schermata pixel.

Se riscontri problemi, puoi verificare la corretta implementazione del codice usando l’estensione gratuita Fb Pixel helper . Installala sul tuo browser, vai su una pagina del sito dove ha inserito il codice e clicca sull’icona in alto a destra. Verifica e, in caso, ripeti l’operazione correttamente.

Come aumentare le conversioni sfruttando il pixel di Facebook

Come usare il pixel di Facebook per controllare diversi eventi standard?

Gli eventi stabiliti da Facebook, ci permettono di adattare il codice in pochi secondi per registrare la differenti azioni che il pubblico compie sul nostro sito web, e gestirle separatamente.

Gli eventi ci consentono di differenziare il pubblico in base ai diversi comportamenti e mettere in campo una campagna specifica, personalizzata e finalizzata a massimizzare il più possibile le conversioni. Vediamo nel dettaglio quale funzione svolge ogni evento:

  • Visite (PageViews) → Monitora il traffico sulla pagina (implementato in automatico sul codice).
  • Vendite (Purchase) → Tiene traccia degli acquisti o dei pagamenti completati.
  • Leads → Tiene traccia degli utenti che sono interessati a determinate offerte (invio di moduli di contatto, registrazione per versioni demo, ecc …).
  • Visualizzazioni di pagina (ViewContent) → Monitora le visualizzazioni della pagina chiave (ad es. pagina del prodotto, pagina di destinazione o dell’articolo).
  • Risultati (Search) → Tiene traccia delle ricerche sul sito (ad esempio: ricerche per un prodotto, un argomento, ecc…).
  • Elementi aggiunti al carrello (AddtoCart) → Tiene traccia di quante volte viene aggiunto un articolo al carrello.
  • Elementi aggiunti a una lista (AddtoWishlist) → Tiene traccia degli elementi aggiunti a una lista dei desideri.
  • Le persone che hanno iniziato il processo di acquisto (IniziateCheckout) → Tiene traccia di tutti gli utenti che hanno iniziato il processo d’acquisto (ad esempio:. clic sul pulsante “Paga ora”).
  • Tutti quelli che hanno aggiunto i dati per il pagamento (AddPaymentInfo) → Tiene traccia di tutti gli utenti che hanno inserito i dati durante il processo di pagamento.
  • Chi ha completato un modulo (CompleteRegistration). → Tiene traccia di tutti gli utenti che hanno completato un modulo di iscrizione (es. per un abbonamento a un servizio).

Come registrare un evento usando il Pixel di Facebook?

Per registrare nel modo corretto un evento, è necessario che il codice corrispondente a questo evento sia presente solo quando si svolge l’evento stesso, e in nessun altro momento. Non ha senso tracciare ad esempio, un acquisto ogni volta che un utente visita la home del nostro sito, perché non tutte le persone che visitano la home page finiscono per acquistare.

Dovremo quindi modificare il codice di istallazione del codice pixel di Facebook in base alle nostre esigenze, inserendo una nuova parte di codice solo nelle pagine in cui vogliamo registrare quel determinato evento.

Prendiamo l’esempio più classico: registrare un evento di acquisto.

Immaginiamo di voler tracciare tutte i clienti che hanno acquistato un prodotto sul tuo sito, e di voler relazionare queste vendite con una campagna pubblicitaria su Facebook Ads. Nel processo di acquisto, la pagina di conferma (chiamata anche Thank You Page o Pagina di ringraziamento) è visibile solo a coloro che hanno terminato l’intero processo.

Il resto degli utenti dovrà necessariamente completare l’acquisto per arrivare su questa pagina. Quindi, inseriremo il pixel di monitoraggio relativo all’acquisto solo in questa pagina. Per farlo:

  1. Copia il codice relativo a questo evento.
  2.  Incollalo nel codice del pixel dopo fbq (‘track’, “PageView”);

RICORDA → Per un corretto funzionamento dovrai implementare il codice solo sulla pagina di conferma dell’acquisto, e in nessun altra. Mentre il codice nelle altre pagine dovrà rimanere quello inserito in precedenza.

Se abbiamo eseguito correttamente l’integrazione, nella scheda “Eventi” del pannello di controllo apparirà la riga “Acquisto”, relativa al monitoraggio appena inserito. Dopo aver fatto questo, non ti rimane che associare i diversi pixel creati con la campagna Facebook Ads e iniziare a monitorare le conversioni.

Se vuoi di più, puoi anche personalizzare il codice! Il pixel di Facebook può essere modificato per ottenere alcune informazioni specifiche rilevanti per il proprio business online. Per esempio, rispetto al caso precedente, è possibile modificare il codice così:

Versione originale:

fbq(‘track’, ‘Purchase’);

Versione personalizzata:

fbq(‘track’, ‘Purchase’, {
content_name: ‘Acquisto infoprodotto copywriting’,
content_category: ‘Corsi > Copywritng’,
content_ids: [‘’],
content_type: ‘product’,
value: 29.80,
currency: ‘EUR’
});

Come usare il pixel di Facebook per creare conversioni personalizzate senza modifiche al codice?

Il pixel di Facebook può essere utilizzato non solo per gli eventi. L’altra funzione che Facebook ci mette a disposizione sono le Conversioni personalizzate.

Questa funzione di monitoraggio, a differenza degli eventi standard, si basa su regole associate con l’URL, quindi non c’è bisogno di modificare il codice per la loro attuazione (una buona alternativa se non vuoi mettere mano al codice continuamente).

Per creare una conversione personalizzata, vai su Crea conversione -> Monitora le conversioni personalizzate.

Le due regole fondamentali sono:

  1. L’URL contiene. Traccia il traffico che passa per le pagine con un URL che contiene una determinata parola chiave.
  2. L’URL è uguale a. Traccia il traffico relativo a una pagina web specifica.

Una volta scelta la regola, basterà scegliere la categoria di conversione che vuoi associare.

Osserviamo un esempio insieme

Esempio di integrazione delle conversioni personalizzate:

Immagina che, come nell’esempio precedente, tu decida di tracciare gli utenti che acquistano un info-prodotto sul tuo sito web, ma non vuoi modificare il codice del pixel di Facebook.

Con le conversioni personalizzate puoi fare così:

  • Come Regola, seleziona la voce “L’URL contiene” e inserisci l’indirizzo della pagina di conferma (per esempio: marketers.media/pagina-conferma-esempio).
  • Seleziona la categoria “Acquisto”.
  •  Clicca su “Avanti” e dai un nome facile da ricordare a questa conversione
  • Quindi clicca su “Crea” e il tuo pixel di conversione personalizzato è pronto

Usare il pixel di Facebook per creare campagne con un pubblico personalizzato

Il pubblico personalizzato si riferisce ad una parte di utenti che possiamo identificare in base a un fattore comune tracciato tramite il pixel di Facebook.

L’idea di marketing che ci sta dietro è molto semplice: offrire agli utenti messaggi e contenuti personalizzati in base a determinate azione compiute in precedenza e quindi ad alto tasso di conversione.

Grazie a questa funzione puoi identificare gli utenti che hanno visitato il tuo sito web (massimo negli ultimo 180 giorni) e che hanno avuto un certo comportamento. Per esempio:

  • Chi visitato il tuo sito durante questo periodo di tempo.
  • Le visite su alcune pagine del tuo sito in questo periodo.
  • Hanno visitato un certe pagine del tuo sito ma non altre.
  • Non hanno visitato il tuo sito negli ultimi 180 giorni.

La creazione di segmenti di pubblico personalizzati ti permette di analizzare al meglio le tue campagne rivolgendolo esclusivamente agli utenti che hanno interagito col tuo sito nelle diverse forme. Stiamo parlando del cosiddetto “Retargeting”, uno strumento tanto potente quanto ancora poco sfruttato nel marketing online.

Ad esempio, potresti creare una promozione speciale per coloro che non visitano il tuo sito web per un certo periodo di tempo, ricordandogli quello che offri e preparando uno sconto riservato a questo segmento di pubblico.

O ancora, potresti creare una campagna personalizzata rivolta agli utenti che hanno visitato la tua sales page per la vendita del tuo infoprodotto, ma che non hanno completato l’acquisto.

Come creare un pubblico personalizzato???

Supponiamo di voler creare una campagna mirata rivolta tutti coloro che hanno già visitato il tuo sito in un determinato momento l’ultimo mese.

Per fare questo, devi creare un pubblico personalizzato che composto interamente da questi utenti. Ecco come procedere:

  1.  Nel pannello di controllo del pixel di Facebook, clicca su “Crea pubblico”.
  2.  Nell’opzione “Visite sul sito web” seleziona la voce “Chiunque visiti il tuo sito web”. In questo modo traccerai tutte le pagine (è possibile selezionarne solo alcune dalla voce “Persona che hanno visitato pagine web specifiche”).
  3.  Scegliere il periodo di tracciamento (nel nostro esempio 30 giorni). Dai un nome al pubblico e clicca su “Crea pubblico”.
  4.  Dai un nome al pubblico e clicca su “Crea pubblico”.

Ottimizzazione delle conversioni

Accanto alla funzione del “Pubblico personalizzato”, troviamo il “Pubblico simile”. Si tratta della possibilità di creare un pubblico selezionando gli utenti Facebook che hanno caratteristiche simili a quelle del nostro pubblico personalizzato e che sono, quindi, potenzialmente più predisposti verso il tipo di contenuto, prodotto o servizio che vogliamo offrire.

I passaggi per creare il nostro pubblico simile sono i seguenti:

  1. Nel pannello di controllo del pixel Facebook, sul lato destro trovi un box che contiene il riferimento al pubblico personalizzato che hai creato in precedenza.
  2.  Cliccando su “mostra tutti” nel pubblico personalizzato, arriverai alla pagina delle informazioni del medesimo pubblico, dove trovi l’opzione per creare il pubblico simile.
  3. Clicca su “Crea pubblico” -> “Crea pubblico simile” dal menu in alto.
  4. Nella finestra di creazione del pubblico simile, per prima cosa devi scegliere un “Origine” (in questo caso, scegliamo il pubblico personalizzato creato in precedenza) e il paese a cui destinare l‘inserzione (nel nostro esempio, l‘Italia).
  5. Infine, devi selezionare la dimensione del pubblico, cioè, la percentuale di persone del paese selezionato che vogliamo assomigli al nostro pubblico. Più bassa è la percentuale, più accurata è la somiglianza tra il tuo pubblico personalizzato e il pubblico simile.

Per una maggiore precisione, è consigliabile non superare il 3%, ma questo dipenderà dalla dimensione del paese scelto. In paesi con una popolazione numerosa, il tasso può essere più basso. Più il paese è piccolo, più il tasso può salire, senza che questo comprometta la quantità di traffico generato.

Vuoi scoprire realmente come funziona l’Online Marketing? Accedi al mio corso Free

ACCEDI AL CORSO GRATUITO ORA!